Adige_visitaOlivi_imagefullwide

Levico: Adige Spa amplia lo stabilimento, investe 57 milioni e sale a 260 occupati

mar 1 • Industria, Lavoro, Notizie • 889 Views • Nessun commento

FacebookTwitterGoogle+PinterestWhatsAppWordPressEmail

Adige Spa, azienda che fa capo al gruppo lombardo BLM, la crisi proprio non l’ha avvertita. Specializzata, assieme alla controllata Adige-sys, in sistemi taglio laser per lavorazione di tubi metallici e lamiera, negli ultimi due anni ha incrementato del 50% ordinativi e fatturato, realizzando un ampliamento della sede produttiva di Levico Terme che ha portato al raddoppio degli spazi “storici” e all’assunzione di una sessantina di nuovi collaboratori. Oggi, martedì 1 marzo, l’incontro in azienda con Provincia e Trentino Sviluppo per sancire una nuova intesa che segue il primo protocollo firmato nel 2013, accordo che ha dato avvio al piano di investimenti di Adige in Valsugana.

Oggi è stato firmato un nuovo accordo che finalizza la prima intesa del 2013. Nell’occasione è stata confermata la disponibilità di Trentino Sviluppo a sostenere l’ulteriore piano di crescita dell’azienda con la sottoscrizione di un prestito obbligazionario di 15 milioni di euro, a fronte di investimenti a Levico cresciuti fino a 57 milioni di euro e dell’incremento dei lavoratori occupati, saliti di una sessantina di unità. Adige metterà inoltre a disposizione del Polo Meccatronica un innovativo impianto di taglio laser utilizzabile da aziende, ricercatori e studenti nei laboratori in via di allestimento.

Il primo incontro con l’azienda risale al settembre 2013, quando formalizzammo quella prima bozza di accordo che fu un passo decisivo per orientare gli investimenti del Gruppo sul sito produttivo di Levico, scelta all’epoca per nulla scontata. Oggi, a distanza di due anni e mezzo, ci troviamo per sottoscrivere una nuova intesa, decisamente migliorativa rispetto a quanto a suo tempo ipotizzato, sia per quanto riguarda l’intensità e la qualità degli investimenti, sia per l’importante e qualificato incremento di posti di lavoro che si sono andati creando.

Una partnership tra pubblico e privato che fa leva su uno dei nuovi strumenti di intervento di cui Trentino Sviluppo si è di recente dotata: il prestito obbligazionario. Non un contributo, attenzione, bensì, una forma di partecipazione al piano industriale, possibile solo in presenza di un’azienda solida e finanziariamente affidabile, con una modalità raffinata che consente addirittura di remunerare nel lungo periodo il capitale investito. Un modello interessante di cooperazione tra un’azienda di valore ed una finanza pubblica che, nei momenti importanti, dimostra di esserci. Perché l’economia del Trentino, e della Valsugana in particolare, ha bisogno di una spina dorsale solida qual è quella rappresentata dall’industria manifatturiera, non solo per l’importante tradizione ma anche perché questa porta lavoro di qualità, apertura al mondo, alto valore aggiunto all’intero sistema economico locale.

La società capogruppo è specializzata nella produzione di macchine curvatubi, sagomatubi, sistemi di misura e dispositivi di integrazione ed automazione. In particolare, Adige Spa si occupa di sistemi di taglio laser di tubi e profilati, macchine per il taglio a disco e la lavorazione di tubi, mentre ad Adige-sys spetta la produzione di sistemi “misti” di taglio laser per lamiera e tubi/profilati di varie sezioni e materiali e impianti per la lavorazione di tubi/profilati di grandi dimensioni e vari materiali.

Adige, secondo quanto condiviso con la Provincia di Trento e con Trentino Sviluppo nell’accordo siglato il 10 settembre 2013, sta portando avanti un ambizioso programma di investimenti immobiliari e produttivi.

Complessivamente Adige investirà quindi nel sito produttivo di Levico Terme 57,2 milioni di euro, generando un importante indotto sul territorio. Grazie ad un piano di crescita che è letteralmente decollato negli ultimi due anni – tanto da far salire a fine 2015 il fatturato delle due aziende trentine del Gruppo fino a quota 145 milioni di euro, per l’85% frutto di commesse estere (nel 2013 si stimava una crescita da 75 a 91 milioni) – Adige Spa e Adige-sys Spa sono passate da circa 200 occupati del 2013 a 260 dipendenti, ben oltre quindi i 235 posti di lavoro previsti due anni fa. Lavoratori in larga misura assunti con contratto a tempo indeterminato. Quasi tutte le ultime assunzioni riguardano figure ad elevata scolarità e specializzazione, prevalentemente laureati o dottori di ricerca nelle discipline dell’Ingegneria Meccatronica, Meccanica, Elettronica, Informatica, ma anche laureati in Fisica, diplomati tecnici e “diplomati superiori” dell’Alta formazione professionale sull’automazione dei processi meccatronici.

In virtù dell’aggiornamento odierno dell’intesa siglata nel settembre 2013, Adige si impegna a mantenere almeno fino al 2022, insieme ad Adige-sys, il livello occupazionale di 260 unità lavorative.

L’azienda di Levico, da sempre convinta sostenitrice del progetto Polo Meccatronica promosso dalla Provincia e da Trentino Sviluppo, ha inoltre formalizzato oggi la decisione di mettere a disposizione del laboratorio di prototipazione rapida, la cosiddetta “ProM Facility” in via di allestimento presso l’incubatore di via Zeni 8 a Rovereto, un sofisticato impianto, denominato LC5, per il taglio laser del tubo e della lamiera. Il sistema, del valore commerciale di quasi 900 mila euro, verrà concesso in comodato d’uso gratuito, con la disponibilità da parte dei tecnici di Adige nel supportare Trentino Sviluppo nella formazione degli operatori che dovranno gestire e far funzionare il macchinario dentro i nuovi laboratori del Polo Meccatronica.

Da parte sua la Provincia di Trento ha ribadito la disponibilità, peraltro già formalizzata nell’intesa del 2013, a sostenere il piano di sviluppo di Adige a Levico mediante la sottoscrizione da parte della sua società di sistema, Trentino Sviluppo, di un prestito obbligazionario non convertibile per complessivi 15 milioni di euro in tre tranche annuali da 5 milioni di euro dal 2016 al 2018.

No TweetBacks yet. (Be the first to Tweet this post)
FacebookTwitterGoogle+PinterestWhatsAppWordPressEmail

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »