Lavoro-impresa-startup

La produttività è un bene comune

gen 22 • Attivita' politica, Industria, Lavoro, Notizie, Senza categoria • 709 Views • Nessun commento

FacebookTwitterGoogle+PinterestWhatsAppWordPressEmail

Colgo con interesse l’analisi complessiva del segretario della CGIL trentina Franco Ianeselli ed in particolare ritengo di dover valorizzare il forte richiamo alla sfida della contrattazione decentrata. Solo ridistribuendo la ricchezza dove si forma, ovvero in azienda e/o nei territori, è possibile favorire un sistema economico competitivo capace di reggere alla concorrenza globale. Non si può distribuire ciò che non si è creato. La contrattazione aziendale/territoriale non ha solo una funzione ridistributiva della ricchezza prodotta ma anche di impulso/stimolo alla crescita della produttività. Legare una parte delle retribuzioni alla crescita della produttività stimola sia il management che i lavoratori a trovare soluzioni per produrre in modo più efficiente ed efficace. Si tratta di un nuovo modo di concepire l’impresa non solo come centro di profitto ma come luogo di creazione di valore aggiunto, di nuova ricchezza, di nuovo benessere da ridistribuire tra chi ha contribuito a crearlo, ovvero tra lavoratori e imprenditori.

L’attore pubblico ha interesse a sostenere questa dialettica cooperativa tra le parti sociali. Certamente va preservata l’autonomia negoziale, sono le parti che devono confrontarsi e trovare soluzioni anche se l’attore pubblico può comunque sostenere indirettamente un nuovo sistema di relazioni industriali tramite una politica fiscale e misure di supporto più selettive.

In sintesi, la produttività delle aziende trentine è un “interesse pubblico” e un bene comune perché solo grazie ad essa si potrà garantire coesione sociale e welfare territoriale in futuro. Una crescita della produttività permetterà retribuzioni proporzionali alla competitività delle aziende e proprio in tal modo la Provincia potrà concentrare proprie risorse a garantire più elevati livelli di protezione per coloro che subiscono le contrazioni del mercato del lavoro. Quindi niente “collateralismo” tra politica e sindacato ma sostegno convinto al ruolo di un sindacato che produce nuovi diritti, equità e innovazione sociale.

ladige22_01

No TweetBacks yet. (Be the first to Tweet this post)
FacebookTwitterGoogle+PinterestWhatsAppWordPressEmail

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »