malgara avio

Malgara di Avio: oggi il vertice in Provincia

ott 7 • Industria, Lavoro, Notizie • 691 Views • Nessun commento

FacebookTwitterGoogle+PinterestWhatsAppWordPressEmail

Questo pomeriggio ho incontrato i rappresentanti di Malgara spa assieme alle organizzazioni sindacali, alcuni rappresentanti della cooperazione di credito, dell’Agenzia del lavoro, del Dipartimento Politiche sociali della Provincia.

Ai lavoratori bisogna dire la verità. Se i soldi per il risanamento dell’azienda ci sono o non ci sono, o se pensate che non ci saranno, dovete dirlo perché è necessario porre fine a questa situazione di insostenibile opacità. Non basta più la parola o il fax dell’ultima ora. Nel frattempo, mentre attendiamo di sapere con certezza se il più volte annunciato piano di risanamento sta o meno per compiersi, vogliamo mettere a punto, assieme ai sindacati, ad Agenzia del Lavoro, al Dipartimento delle politiche sociali, e utilizzando gli strumenti di cui la Provincia già oggi dispone, un piano straordinario mirato, per affrontare almeno le situazioni più critiche. Intendiamo valutare inoltre la possibilità di stimolare una partecipazione del settore del credito cooperativo, con il coinvolgimento della cassa rurale locale, e della cooperazione di consumo, così da attivare ulteriori misure ad hoc capaci di venire incontro ai bisogni dei lavoratori che da tempo non percepiscono più le loro spettanze

Ho promosso l’incontro di oggi per proseguire il percorso già avviato con l’azienda e volto in primo luogo ad informare con tempestività i lavoratori sulla percorribilità del previsto piano di risanamento finanziario della Malgara Chiari & Forti di Avio, che Provincia e sindacati hanno chiesto venga destinato prioritariamente al pagamento degli stipendi arretrati ai lavoratori.

Proprio in considerazione delle difficoltà attraversate dalle famiglie di molti dei dipendenti dell’azienda, abbiamo ritenuto opportuno allargare il tavolo di confronto anche ad altre realtà della Provincia, in particolare il Dipartimento politiche sociali e l’Agenzia del Lavoro, per cercare di mettere a punto, assieme alle rappresentanze sindacali, un piano sociale straordinario e tagliato “su misura” per le situazioni più difficili: l’Agenzia del lavoro, utilizzando i propri strumenti di sostegno al reddito dei lavoratori in Cassa integrazione, il Dipartimento politiche sociali per valutare se in qualche caso può essere attivato il reddito di garanzia. Ho poi voluto coinvolgere la Cassa rurale della Bassa Vallagarina, per valutare la possibilità di mettere a punto misure ad hoc e temporanee, e la cooperazione di consumo, in particolare il Poli, anche qui per esaminare eventuali forme di intervento “a termine”.

E’ chiaro che l’obiettivo principale rimane quello di uscire dalla situazione di ambiguità in cui ci trasciniamo da troppo tempo. Mentre attendiamo di conoscere il destino dell’azienda, però, non possiamo lasciare i lavoratori nell’incertezza e nella solitudine. Per questo vogliamo valutare tutte le forme di intervento possibili, a sostegno soprattutto di coloro che versano in situazione di grave difficoltà.

Il direttore dello stabilimento di Avio, Nicola Zanetti, a fronte di questa forte sollecitazione, ha confermato che il finanziamento di 30 milioni da tempo atteso è in arrivo, e che i primi impegni ad essere assolti saranno quelli riguardanti gli stipendi e le altre spettanze dei lavoratori.

Ma alle tante promesse ora chiediamo seguano dei fatti concreti da parte dell’azienda.

No TweetBacks yet. (Be the first to Tweet this post)
FacebookTwitterGoogle+PinterestWhatsAppWordPressEmail

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »