artingegna

Artingegna: un’occasione per riflettere sul collegamento scuola-lavoro

set 26 • Artigianato, Innovazione, Notizie • 634 Views • Nessun commento

FacebookTwitterGoogle+PinterestWhatsAppWordPressEmail

Artingegna, manifestazione che dal 2 al 4 ottobre tornerà a Rovereto, ha assunto negli anni una sua fisionomia, che è progressivamente cambiata rispetto all’iniziale Mostra dell’Artigianato, come è mutato il ruolo dell’artigianato nel tessuto connettivo trentino. Artingegna è proprio l’occasione per riflettere su questo cambiamento, per rimettere al centro dell’attenzione pubblica la piccola impresa e la sua importanza nell’innovare il territorio trentino. Oggi l’artigiano deve essere un innovatore, deve essere flessibile, deve anticipare i tempi, mettere fantasia e passione; ha poi una sua prerogativa, che è quella di lavorare sulla formazione delle persone e dei propri collaboratori. Artingegna quest’anno si concentra su questo aspetto, ovvero il rapporto fra la piccola impresa e la filiera della conoscenza. Nel sono coinvolte quasi tutte le scuole della formazione trentina e sono messe vicine ai maestri artigiani e alle imprese. L’obiettivo è spiegare ai nostri ragazzi che l’artigiano non è qualcosa del passato, non è un luogo di vecchi mestieri impolverati, ma è sfoggio delle proprie abilità, è operatività, è creatività. A Rovereto si sta investendo su alcune polarità importanti ed Artingegna è una parte di questo progetto, che punta ad incrociare sempre di più la laboriosità degli artigiani con il mondo scolastico.

Oltre 50 imprese, provenienti da ogni parte del Trentino, presenteranno i propri prodotti e servizi, frutto di un prezioso patrimonio di conoscenze professionali, capacità ed originalità creativa. Ma la vera novità di questa edizione è la collaborazione fra scuole e Maestri Artigiani, con la partecipazione di 14 istituti professionali, tecnici ed artistici impegnati in progetti congiunti con i “Maestri” custodi del sapere artigiano.

Artingegna dovrà essere un’occasione per far riflettere la città di Rovereto sul tema della dualità/alternanza tra mondo della scuola e lavoro. Un maggior collegamento tra mondo della scuola, inteso sia come conoscenza e rafforzamento delle competenze, e mondo delle imprese dovrà portare negli anni a far sì che i nuovi imprenditori trentini si formino nelle nostre scuole.

Riteniamo che ci sia una parte della città di Rovereto che abbia le potenzialità per tornare ad ospitare il connubio tra commercio ed artigianato, le piccole e medie imprese non sono incompatibili con i centri storici, esiste davvero una nuova bottega artigiana che può tornare a vivacizzare la città, possiamo ripopolare il centro storico con imprese che siano radicate al tessuto urbano, non solo quindi nell’occasione delle fiere. La presenza di alcuni poli come la Manifattura, possono rappresentare un ponte importante fra la città e i luoghi dove si fa ricerca e sviluppo. In questo senso Artingegna può davvero rappresentare un’occasione importante.

Maggiori informazioni sul programma sono presenti sul sito: www.artingegna.it 

No TweetBacks yet. (Be the first to Tweet this post)
FacebookTwitterGoogle+PinterestWhatsAppWordPressEmail

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »